Interpello 1/2020: niente sanzioni per il datore di lavoro che usa un’attrezzatura senza formazione

Share Button

Il D.Lgs. 151/2015 aveva modificato, all’interno del Titolo III del D.Lgs. 81/2008, la definizione di “operatore” in questo modo:
l) all’articolo 69, comma 1, lettera e), dopo le parole: «il lavoratore incaricato dell’uso di una attrezzatura di lavoro» sono inserite le seguenti: «o il datore di lavoro che ne fa uso»
Pertanto, era stato introdotto l’obbligo di formazione sull’uso delle attrezzature di lavoro specifiche anche il datore di lavoro.
L’interpello, però, pone l’attenzione su un tema: la modifica non ha interessato i successivi articoli che continuano a fare riferimento al “lavoratore” e non all'”operatore”.
Ne consegue che, sebbene anche per il datore di lavoro rimanga il divieto di utilizzo delle attrezzature di cui all’Accordo Stato Regioni del 22/02/2012, richiamate dall’articolo 73 comma 5 dove si parla effettivamente di “operatori”, non essendo quel punto sanzionato, non è possibile applicare altri requisiti presenti negli articoli dove, invece, si richiama ancora il termine di “lavoratore”.

Questo articolo è stato pubblicato in News il da .

Informazioni su Ing. Fabio Rosito

Dal 2003 mi occupo di sicurezza sul lavoro, prima come dipendente in aziende di consulenze, poi come libero professionista. La mia attività prevede l'assistenza delle aziende nell'individuare i punti di maggior rischio e nel definire gli interventi di miglioramento necessari. Email: fabio.rosito@sti-consulenze.it Tel. 329/64.12.255

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*