29/12/2014

SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI


Il regolamento CLP ed il suo scadenziario

Share Button

Le indicazione dell’Inail: sintesi del regolamento, scadenziario miscele e sostanze, adempimenti, classificazione, nuove etichette e pittogrammi, imballaggi e nuove schede di sicurezza.

Il Regolamento CE n. 1272/2008 del 16 dicembre 2008, denominato Regolamento CLP (Classification, Labelling and Packaging), che è entrato in vigore nell’Unione Europea il 20 gennaio 2009, ha introdotto un nuovo sistema di classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze e delle miscele ed abrogherà le Direttive 67/548/CEE (DSP: Direttiva sulle sostanze pericolose) e 1999/45/CE (DPP: Direttiva sui preparati pericolosi) a partire dal 1 giugno 2015, al termine di un periodo di transizione durante il quale sono applicabili sia il vecchio sistema che il nuovo.

Il regolamento CLP si propone di armonizzare i criteri per la classificazione delle sostanze e delle miscele e le norme relative alla loro etichettatura ed imballaggio e di assicurare un elevato livello di protezione della salute umana e dell’ambiente nonché la libera circolazione delle sostanze chimiche e delle loro miscele, rafforzando anche la competitività e l’innovazione.
Obiettivo del regolamento è quello di determinare quali proprietà di una sostanza o di una miscela permettano di classificarla come pericolosa, affinché i pericoli che essa comporta possano essere adeguatamente identificati e resi noti.

Il regolamento CLP ha inoltre lo scopo di assicurare la protezione degli animali, riducendo al minimo gli esperimenti condotti su di essi. La sperimentazione sugli animali, infatti, è prevista solo se non esistono dati di letteratura e prove alternative che producano risultati di adeguata affidabilità e qualità.
Il regolamento CLP consente l’applicazione all’interno della Comunità Europea del Sistema mondiale armonizzato di classificazione ed etichettatura delle sostanze chimiche, denominato GHS (Globally Harmonised System), sviluppato dall’ONU; anche se non in modo completo, il CLP incorpora i criteri di classificazione ed etichettatura, i simboli e le avvertenze di pericolo concordati a livello globale nel GHS.
Allo scopo di facilitare l’adozione del sistema GHS nei diversi Paesi e nei vari settori lavorativi, è stato introdotto il concetto del building block approach che consente l’adozione anche parziale delle categorie di pericolo: l’armonizzazione è intesa come adozione di elementi uguali per tutti, anche se non vengono trasposti nella totalità.
Pertanto, prodotti importati da Paesi non UE, pur avendo elementi di etichettatura comuni, potrebbero non essere del tutto conformi al CLP per quanto concerne la classificazione e l’etichettatura delle sostanze e delle miscele, dal momento che il grado di implementazione del GHS può variare da Paese a Paese.
Il regolamento CLP è attualmente basato sulla seconda revisione del GHS dell’ONU, pur mantenendo una continuità con la precedente normativa europea in quanto tiene conto delle modalità operative e delle procedure fondamentali previste sia dalla DSP (Direttiva Sostanze Pericolose) e dalla DPP (Direttiva Preparati Pericolosi).

Verranno inoltre modificati alcuni dei pittogrammi di pericolo relativi al DSP e DPP. L’immagine sottostante, ne indica le modifiche.

Di seguito un immagine riassuntiva dello scadenziario CLP. L’applicazione completa sarà in vigore dal 1 Giugno 2015.

· 1° dicembre 2010
Obbligo di etichettare le sostanze in base al CLP (facoltativo per le miscele)
Deroga fino al 1° dicembre 2012 per l’etichettatura in base al CLP delle sostanze già immesse sul mercato prima del 1° dicembre 2010.
· 1° giugno 2015
Obbligo di etichettare le miscele in base al CLP.
Deroga fino al 1° giugno 2017 per l’etichettatura in base al CLP delle miscele già immesse sul mercato prima del 1° giugno 2015 .

CLP cambio etichette CLP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*