Emergenza Coronavirus – agg. del 06.03.2020

Share Button

Con le nuove disposizioni proviamo ad aggiornarvi sugli attuali cambiamenti a livello nazionale:

Quali sono le misure di prevenzione e di protezione che sono state messe in atto a livello nazionale?

Ad oggi, 06/03/2020, le misure igienico sanitarie suggerite dal Ministero della Salute nel DPCM 04/03/2020:

  • Lavarsi spesso le mani, come da sempre indicazione di buona prassi dell’OMS

  • Mettere a disposizione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani
  • Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute e comunque evitare abbracci, strette di mano e contatti fisici diretti con ogni persona
  • Ricordarsi l’igiene respiratoria, quindi starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie, coprendo bocca e naso
  • Mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro
  • Evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri
  • Non toccarsi occhi, naso, bocca con le mani
  • Non prendere farmaci antivirali e antibiotici se non prescritti da un medico
  • Pulire le superfici con disinfettanti a base cloro o alcool
  • Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate.

Ogni Regione ha ovviamente facoltà di deliberare anche misure più cautelative, in quanto questa situazione è in rapido aggiornamento, ma al momento a livello nazionale sono state impartite dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 04 marzo 2020 le seguenti indicazioni, valide ad oggi fino al 3 aprile (art. 4 comma 1, presente decreto):

  • Sospensione di congressi, meeting, riunioni, eventi sociali in cui è coinvolto personale sanitario o personale incaricato di svolgimento di servizi pubblici essenziali o di pubblica utilità
  • Sospensione delle manifestazioni o eventi svolti in luogo pubblico o privato che comportino affollamento tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro
  • Sospensione di eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in luogo sia pubblico che privato, pur se resta consentito lo svolgimento delle sedute di allenamento all’interno di impianti sportivi a porte chiuse o all’aperto senza la presenza di pubblico. Sono ammesse attività motorie in genere svolte all’aperto o al chiuso come in piscine, palestre e centri sportivi che non rientrino nelle zone del Lombardo-Veneto già soggette a restrizioni.
  • Sospensione dei servizi educativi per l’infanzia, attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, università per anziani fino al 15 marzo. Sono esclusi i corsi a distanza, i corsi post universitari connessi con l’esercizio di professioni sanitarie, medici in formazione specialistica, medicina generale, tirocinanti di professioni sanitarie e attività delle scuole di formazione attivate presso i ministeri dell’interno e della difesa. La riammissione ai servizi educativi per l’infanzia rimane subordinata a certificazione medica in caso di assenza pregressa per più di 5 giorni. Si suggerisce l’attivazione della formazione a distanza ove prevista.
  • Divieto agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa di DEA e PS per più del tempo indicato dal personale sanitario preposto
  • Limitazione all’accesso di parenti e visitatori in strutture di ospitalità e lungo degenza secondo le indicazioni delle Direzioni Sanitarie delle Strutture
  • Se possibile attivazione di modalità di lavoro agile
  • Sospensione di prove di esame quali delle legate al Ministero delle Infrastrutture
  • Istituzione di presidi idonei a garantire nuovi ingressi negli istituti penitenziari

Quali indicazioni possiamo aggiungere?

  • Chiamare il 112 per ogni caso sospetto, in particolare persona con:
    • Febbre superiore a 37,5°C
    • Tosse
    • Sintomi influenzali
    • Difficoltà respiratorie
    • Storia di viaggi o residenza in Cina / contatto stretto con casi confermati o probabili di infezioni da Coronavirus
  • Per tutte le realtà sanitarie e assistenziali predisporre protocolli di sanificazione (che probabilmente saranno già in essere) e corretta informazione a lavoratori e utenti
  • Per ogni sospetto è stato attivato il numero di pubblica utilità 1500

Fonti:

Raccomandazioni del Ministero della Salute

FAQ – Nuovo Coronavirus COVID-19 http://www.salute.gov.it/portale/malattieInfettive/dettaglioFaqMalattieInfettive.jsp?lingua=italiano&id=228

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1 marzo 2020

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*