Smart Working: il recente Disegno di Legge

Share Button

Il 10 maggio il Senato ha approvato il Disegno di Legge sul lavoro autonomo e lo smart working.
All’articolo 22, si richiama, per il datore di lavoro, un obbligo specifico riguardo proprio i lavoratori “agili”.
Vediamo di che obbligo si parla e come usare AimSafe per attuarlo.

Art. 22.
(Sicurezza sul lavoro)
1. Il datore di lavoro garantisce la salute e la sicurezza del lavoratore che svolge la prestazione in modalità di lavoro agile e a tal fine consegna al lavoratore e al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, con cadenza almeno annuale, un’informativa scritta nella quale sono individuati i rischi generali e i rischi specifici connessi alla particolare modalità di esecuzione del rapporto di lavoro.
2. Il lavoratore è tenuto a cooperare all’attuazione delle misure di prevenzione predisposte dal datore di lavoro per fronteggiare i rischi connessi all’esecuzione della prestazione all’esterno dei locali aziendali.

Come potete leggere dalle poche righe che compongono l’articolo, il datore di lavoro che decida di attivare lo smart working dovrà informare il lavoratore dei rischi per scritto.
Vediamo come realizzare questa attività al meglio:
1) nel DVR inserire le schede specifiche riguardo le attrezzature impiegate nello svolgimento dell’attività;
2) assegnare le schede alla mansione svolta;
3) accedere alla sezione “Report” e stampare il Fascicolo informativo relativo alla mansione svolta;
4) consegnare il fascicolo informativo al lavoratore avendo cura di farsi firmare un verbale di consegna.

Andando all’articolo su AimSafe, potrete scaricare un esempio di fascicolo informativo e un modello di verbale di consegna.

Questo articolo è stato pubblicato in News il da .

Informazioni su Ing. Fabio Rosito

Dal 2003 mi occupo di sicurezza sul lavoro, prima come dipendente in aziende di consulenze, poi come libero professionista. La mia attività prevede l'assistenza delle aziende nell'individuare i punti di maggior rischio e nel definire gli interventi di miglioramento necessari. Email: fabio.rosito@sti-consulenze.it Tel. 329/64.12.255

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*