Alternanza scuola lavoro: dal MIUR chiarimenti su chi sono i destinatari di certi obblighi

Share Button

L’alternanza scuola lavoro prevede che gli studenti svolgano parte della loro attività formativa direttamente in azienda. Questo, chiaramente, può creare dubbi interpretativi circa chi sono i soggetti destinatari degli obblighi in materia di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.
MIUR fornisce risposta a tre quesiti:
1) Quale formazione sulla sicurezza è necessario garantire agli studenti in alternanza?
2) È obbligatoria la visita medica per gli studenti in alternanza scuola lavoro?
3) Le regole per la tutela del lavoro dei fanciulli e degli adolescenti valgono anche per gli studenti impegnati in attività di alternanza scuola lavoro?

Formazione in materia di sicurezza e salute dei lavoratori
Il MIUR specifica che le scuole dovranno erogare le 4 ore di formazione generale che, essendo credito formativo permanente, non dipendono dall’attività svolta in aziende e rimane valido per tutta la vita della persona. La formazione specifica, invece, dovrà essere erogata dal datore di lavoro presso cui lo studente svolgerà la propria attività. Naturalmente, la durata e i contenuti della formazione specifica saranno individuati dal datore di lavoro in base alla specifica mansione svolta. Tuttavia, in fase di definizione della convenzione, anche la formazione specifica potrebbe essere data in carico alla scuola, nel caso in cui la struttura ospitante non fosse in grado di provvedervi direttamente.

Visita medica
MIUR specifica che è opportuno che le istituzioni scolastiche attivino convenzioni con strutture pubbliche o private per l’effettuazione delle visite mediche per gli studenti impegnati in laboratori o tirocini. La struttura ospitante, rimane destinataria dell’obbligo di sorveglianza sanitaria per eventuali condizioni di rischio peculiari non già coperti dal protocollo sanitario attivato dall’istituzione scolastica.

Normativa per lavoratori minorenni
MIUR specifica che il divieto di svolgimento di determinate attività lavorative non si applica all’alternanza scuola lavoro in quanto non si configura un rapporto di lavoro ma è una forma diversa di formazione svolta sotto la responsabilità dell’istituzione scolastica.

Questo articolo è stato pubblicato in News il da .

Informazioni su Ing. Fabio Rosito

Dal 2003 mi occupo di sicurezza sul lavoro, prima come dipendente in aziende di consulenze, poi come libero professionista. La mia attività prevede l'assistenza delle aziende nell'individuare i punti di maggior rischio e nel definire gli interventi di miglioramento necessari. Email: fabio.rosito@sti-consulenze.it Tel. 329/64.12.255

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*