27/03/2019

SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI


Aggiornamento lavoratori esonera dall’aggiornamento preposti

Share Button

Quesito: un preposto che ha partecipato all’aggiornamento insieme ai lavoratori, deve poi anche fare l’aggiornamento come preposto?

L’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011, emanato come attuazione di una delega prevista all’articolo 37 del D.Lgs. 81/2008, ha normato anche la formazione dei preposti e dei dirigenti andando anche a definire l’aggiornamento richiesto; lo stesso Accordo, evidenzia come, non essendo oggetto della delega, i contenuti relativi alla formazione e aggiornamento di dirigenti e preposti “costituisce corretta applicazione dell’articolo 37, comma 7, del D.Lgs. 81/08. Nel caso venga posto in essere un percorso formativo di contenuto differente, il datore di lavoro dovrà dimostrare che tale percorso ha fornito a dirigenti e/o preposti una formazione adeguata e specifica.”.

L’Accordo Stato Regioni del 25/07/2012 “Linee guida applicative”, riporta quest’ulteriore indicazione: “Quanto all’aggiornamento dei preposti, si puntualizza che le 6 ore di aggiornamento quinquennale, – che si ritengono comprensive delle 6 ore di aggiornamento quali lavoratori”, determinando nella sostanza, una sovrapposizione, tra i due obblighi formativi.

Ancora più chiaro è definitivo, è quanto previsto dall’Accordo 7 luglio 2016 che, oltre a normare la formazione per RSPP/ASPP, ha dato anche attuazione a quanto previsto all’articolo 14-bis D.Lgs. 81/2008, inserito nel decreto dalla Legge 09/08/2013 n. 98, noto come Decreto del Fare.

Il comma 14-bis, infatti, prevede quanto segue:

14-bis. In tutti i casi di formazione ed aggiornamento, previsti dal presente decreto legislativo per dirigenti, preposti, lavoratori e rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza in cui i contenuti dei percorsi formativi si sovrappongano, in tutto o in parte, è riconosciuto il credito formativo per la durata e per i contenuti della formazione e dell’aggiornamento corrispondenti erogati. Le modalità di riconoscimento del credito formativo e i modelli per mezzo dei quali è documentata l’avvenuta formazione sono individuati dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sentita la Commissione consultiva permanente di cui all’articolo 6. […]

La Conferenza Stato Regioni, in occasione del riordino del percorso formativo per ASPP e RSPP, ha introdotto anche le c.d. equipollenze, riportate all’Allegato III dell’Accordo Stato Regioni del 7 luglio 2016.

All’interno di questo allegato, nella sezione dedicata agli aggiornamenti e, nello specifico, alla riga in cui si parla dell’aggiornamento “LAVORATORE Formazione specifica 6 ore”, in corrispondenza della colonna “PREPOSTO 6 ore”, riporta la dicitura “TOTALE” che, come si evince dal primo paragrafo dell’allegato III, va intesa come “si intende il riconoscimento completo della formazione acquisita e quindi l’esonero totale dalla frequenza del monte ore di formazione o aggiornamento previsto per il soggetto individuato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*